lunedì, marzo 19, 2007

Comunicazione digitale turistica 

Il web è sempre più centrale nel processo di formazione delle preferenze per l'organizzazione di una vacanza di qualunque genere e tipo.

La qualità dei contenuti è un elemento molto importante, ma anche la loro articolazione deve essere progettata con estrema cura in modo da soddisfare le esigenze dei diversi utenti alla ricerca di informazioni rilevanti.

Progettare contenuti centrati sull'utente, significa fornire delle risposte precise. L'errore più comune è quello di dimenticare le istanze dei visitatori, i loro obiettivi e fornire informazioni generiche, spesso di tipo enciclopedico.

Vediamo un testo tratto dal sito italia.it

Al centro del mondo (testo introduttivo)

Lo stivale: così i suoi abitanti definiscono la penisola che dalla catena montuosa delle Alpi si spinge nel Mar Mediterraneo per oltre 1.300 chilometri. L’arco delle Alpi delimita e protegge il territorio italiano con i suoi 1.000 chilometri di lunghezza, dando poi origine alla dorsale montuosa che lo percorre fino in Sicilia: gli Appennini.
Coperto per l’80% da montagne e colline e delimitato da più di 8.000 chilometri di costa, ora bassa e sabbiosa, ora alta e rocciosa, il territorio italiano è unico al mondo per la sua varietà: un equilibrio perfetto di mare e montagna, collina e pianura che, grazie al clima temperato che quasi mai sale sopra i 40 gradi al Sud e sotto i 10 gradi al Nord, rende l’Italia uno dei paesi più interessanti ed accoglienti per turisti e viaggiatori per tutti i mesi dell'anno.
Oggi l’Italia, con il 65% di opere d’arte e monumenti di valore artistico presenti in tutto il mondo, è un vero e proprio museo a cielo aperto: visitarla significa non solo entrare in contatto con il passato ma anche vivere il presente di una varietà infinita di culture, dialetti, gastronomie, tradizioni. Viaggiare in Italia significa toccare con mano stili di vita e modi di essere estremamente diversi tra loro, ma simili nella loro appartenenza a questa terra meravigliosa ed unica.

Vorrei fare alcune considerazioni:
  1. progettare testi originali anche se sembra più oneroso è la scelta nel lungo periodo più efficace. E' sempre poco conveniente cercare di adattare contenuti progettati per altri scopi
  2. il destinatario è un turista, non uno studente alle prese con una ricerca di geografia
  3. il web non è un medium di massa, allora perchè progettare informazioni così generiche?
  4. un sito di promozione turistica deve saper trovare un giusto equilibrio tra informazione e comunicazione, cercando di soddisfare le necessità informative dell'utente, senza dimenticare gli obiettivi del sito. Informare è diverso dal rendere desiderabile un territorio.
Progettare un contenuto senza avere chiaramente in mente il destinatario della comunicazione, le sue caratteristiche, rende ogni singolo testo generico. Vediamo un esempio:

Una gita al lago

Le acque limpide e calme, il clima mite e il verde del territorio circostante creano un ambiente ideale per una vacanza improntata al relax ed al contatto con la natura. I laghi di dimensioni maggiori offrono anche l’opportunità di praticare sport acquatici tipici di località balneari costiere, come vela, windsurf e canoa. I laghi più piccoli, poi, sono perfetti per l’escursionismo, il trekking e le gite in bicicletta.

Se fossi un turista straniero che vuole venire in Italia mi porrei certo alcune domande:
  1. tutti i laghi che ho visitato hanno più o meno un clima mite, è per quello che amo il lago, ma ce ne sono tanti in Europa e nel mondo
  2. che cosa hanno i laghi italiani di caratteristico, rispetto ad altri laghi?
  3. perchè dovrei fare una vacanza al lago in Italia?
  4. se volessi fare una vacanza al lago in Italia, quale dovrei scegliere e perchè?
  5. che cosa vuol dire fare una vacanza al lago in Italia? Quali attrattive e quali attrazioni?

Proseguiamo scegliendo una possibile destinazione, ecco il testo.

Lago di Garda

Dove si trova
Il lago di Garda si trova nel nord Italia e sulle sue sponde si incontrano tre regioni, la Lombardia , il Trentino Alto Adige e il Veneto. Quattro sono le province a cui appartiene: Brescia, Trento, Verona e Mantova. Dista da Brescia circa trenta km e altrettanti da Verona.

Il territorio
Il lago di Garda, Benaco, è il più grande lago d’Italia, con una profondità è di 346 m, è lungo 51,6 km e largo 17,5. Il suo principale immissario è il fiume Sarca, l’unico emissario è il Mincio.

Testimonial
Il primo a restarne ammaliato fu il poeta latino Catullo, la cui famiglia aveva una villa a Sirmione. Dopo di lui, il Garda è stato ammirato da poeti e scrittori di ogni epoca: Dante Alighieri (che lo descrisse nel ventesimo canto dell’Inferno), Goethe, Ugo Foscolo, fino a Lord Byron e Henry Stendhal. Non restarono indifferenti al fascino del luogo nemmeno i poeti Giosuè Carducci (estimatore del Chiaretto, vino di Moniga) e Gabriele D'Annunzio, che trascorse i suoi ultimi 17 anni di vita a villa Cargnacco di Gardone (il Vittoriale). Anche James Joyce ed Ezra Pound si innamorarono delle sue coste, mentre Franz Kafka, tra il 1909 e il 1913, soggiornò a Desenzano e a Malcesine.

Da vedere
Il lago di Garda , con il suo clima mite e l’eccezionale temperatura delle acque (che permette di fare il bagno da maggio a settembre), le spiagge assolate e i porticcioli attrezzati, le palme e gli oleandri, gli olivi e le viti, è quasi un mare incastonato fra le Alpi e la pianura padana . Un mare che unisce alle suggestioni mediterranee il fascino della montagna e di una natura intatta. Nelle sue acque si specchiano rocce e dirupi, come la dorsale del monte Baldo a est e i rilievi trentini – con le Dolomiti del Brenta sullo sfondo- a nord. Al fascino della natura e del paesaggio, il Garda unisce il richiamo della storia: le sue sponde sono costellate da antichi borghi, castelli e monasteri, caratteristici paesi ricchi di monumenti e interessanti musei. Dagli insediamenti preistorici della Valtenesi agli imponenti resti romani di Sirmione, Desenzano, Toscolano, dai castelli medievali che ne dominano le alture ai santuari meta ancor oggi di pellegrinaggi, dalle rocche Scaligere poste a difesa dei porti alle pievi romaniche, dalle parrocchiali neoclassiche ai palazzi privati con scenografici giardini, dalle “stazioni di soggiorno” con architetture liberty frequentate fin dai primi del ‘900 dal jet set internazionale al Vittoriale di Gardone Riviera, dimora di Gabriele d’Annunzio, il Garda è una vera e propria “miniera culturale”.
La costa sud-occidentale del lago si trova in provincia di Brescia e va da Sirmione a Limone, ovvero dai resti archeologici della romana Sirmio, passando per gli hotel Liberty di Gardone Riviera, fino ai porticcioli di Bogliaco, Campione, Limone, amati da velisti e surfisti. Paesaggi mutevoli e affascinanti (le ampie spiagge del basso lago, le colline della Valtenesi con viti e olivi, punteggiate di castelli, i golfi di Manerba e Salò, i dirupi della Gardesana occidentale) e stazioni di villeggiature di antica tradizione, come la nota località termale di Sirmione con le Grotte di Catullo (fra i principali siti archeologici del Nord Italia), il castello Scaligero, l’incantevole centro storico; Desenzano, con il caratteristico porto e i resti della villa romana ; Salò con il suo profondo golfo, sede, dal 1943 al 1945, di alcuni Ministeri della Repubblica Sociale Italiana (che per questo fu impropriamente definita “di Salò”);

Gardone Riviera con la sua magica atmosfera liberty, il Vittoriale, dimora di Gabriele d’Annunzio, e il Giardino Botanico Hruska, con le oltre 2000 varietà di piante; Limone, che deve il suo nome alla storica produzione di questi agrumi e che ancora oggi regala uno scenario impagabile di limonaie.
Sulla costa trentina, a nord, il paesaggio si fa più aspro, con i monti che arrivano fino all’acqua: è il regno della vela e del surf, grazie ai venti che vi spirano forti e costanti. Le principali località turistiche sono Riva del Garda e Torbole-Nago. Da Malcesine a Peschiera, in provincia di Verona, la sponda torna dolce e mediterranea. E’ la Riviera degli olivi, una cinquantina di km costellati da spiagge ben attrezzate, antiche rocche, caratteristici paesi regno dello sport, della vacanza attiva e del divertimento estivo. Qui si sorgono Gardaland e altri parchi divertimento. Il bacino meridionale del Garda è interessato dalla provincia di Mantova che non ha, però, località che si affacciano direttamente sul lago.

Di giorno e di notte
Il Garda è perfettamente attrezzato per permettere a ciascuno di ritagliarsi una vacanza su misura. Sulle sue sponde si trovano borghi pittoreschi per chi cerca una vacanza lontano dalla folla, grandi centri pieni di vita per chi invece ama tuffarsi fra la gente, lidi ideali per le famiglie con bambini, parchi divertimento, acquasplash, discoteche fra le più gettonate d’Italia, Parchi e Riserve naturali. La zona è ricchissima di scuole di vela, terme (famose quelle di Sirmione e il Parco termale di Lazise). Il lago e il suo entroterra sono una sorta di palestra ideale, che parte dalle acque del lago fino ad arrivare a cime di oltre 2000 m di altezza. Vi si può trovare di tutto: l’acqua per il nuoto, il vento che sospinge le vele, le montagne da scalare con la mountain-bike o con la picozza, i sentieri per il trekking, gli itinerari da percorrere a cavallo, le alture da dove lanciarsi col deltaplano, le rocce per il freeclimbing, i torrenti per il rafting e hydrobob, i campi da golf. Le colline dell’entroterra sono l’ideale per fare tranquille passeggiate, magari in bicicletta o in sella al cavallo.

Camera con vista
Il Garda, che vanta una prestigiosa tradizione di ospitalità, è attrezzato per ospitare turisti in strutture adatte ad ogni esigenza e ad ogni fascia di possibilità di spesa. Si va dai Grand hotel a confortevoli pensioni adatte alle famiglie, a alberghi pensati per un turismo giovane, fino a agriturismo, villaggi turistici e campeggi,molto frequentati, anche perché sono generalmente molto ben attrezzati.

Sulla tavola
Pesce, olio, agrumi, vino: questi gli ingredienti base della gastronomia gardesana. Prodotti tipici e genuini che, nelle mille varianti proposte dalle quattro cucine che si affacciano sul Garda, abbinati a verdure di stagione, ottimi insaccati, formaggi prelibati , non possono che fare la gioia dei buongustai. Una cucina apparentemente povera, ma ricca di gusto, leggera e genuina. Re della tavola è il pesce di lago, fra cui primeggiano il raro carpione, il coregone (lavarello), la trota lacustre, l'anguilla, il luccio, la tinca, la carpa e il persico. Fra i primi, gnocchi di patate, spinaci o zucca, ravioli in mille versioni, zuppe; fra i secondi, anche carne, con grigliate miste, cacciagione e funghi, accompagnati dall’immancabile polenta. L’olio extra vergine d’oliva del Garda - con eccellenti proprietà nutritive, a bassa acidità - è fra i più pregiati d’Italia. Altrettanto famosi i suoi vini Doc, dal Chiaretto al Bardolino, dal Lugana agli aromatici vini della zona trentina.

Come turista, sarei insoddisfatto di queste informazioni
  1. la struttura mi ricorda un testo scolastico, mentre io voglio informazioni per organizzare le mie vacanze
  2. le informazioni sono strutturate male, ritengo troppo lungo ciò che non mi interessa e ciò che invece mi interessa è poco approfondito
  3. le informazioni generiche non aggiungono nulla a ciò che già so sull'argomento (anche se la mia conoscenza fosse ridottissima), la forma non è convincente, ma volete insegnarmi qualcosa o persuadermi ad organizzare una vacanza?
  4. Frasi come "Il Garda è perfettamente attrezzato per permettere a ciascuno di ritagliarsi una vacanza su misura, poi non trovano riscontro nella descrizione successiva, se sostituissi a Garda, il lago Balaton sicuramente non cambierebbe poi molto.
  5. I riferimenti storici devono essere contestualizzati, al windsurfer non interessa poi molto di D'Annunzio, allora perchè ammorbarlo, non sarebbe meglio permettere ad ogni utente una maggiore libertà nella scelta dei contenuti?
La progettazione strategica dei contenuti digitali per il turismo è un'attività che richiede una professionalità specifica. Un sito non è una brochure, non è un magazine necessità una focalizzazione molto attenta sulle caratteristiche del mezzo utilizzato, ma soprattutto su quella dei fruitori.

2 Comments:

Blogger Nicola said...

Non vorrei ricordare male, ma gran parte dei soldi spesi finora sono stati impiegati per l'acquisto di banche dati. Non mi stupirebbe che si trattasse delle garzantine ;-)

19/3/07 12:29  
Anonymous Pier Luca Santoro said...

Caro Maurizio,
Le cose che dici sul portale in questione sono, per quanto mi riguarda, assolutamente condivisibili.
Come ho avuto modo di dire: La differenziazione, la creazione di elementi distintivi [di cui il logo è un elemento] sono la base di qualsiasi strategia competitiva ed è, dunque, per sintesi, questo l’aspetto sul quale concentrare sforzi e risorse; continuare a sparare nel mucchio non funziona neanche per il turismo.
Prima di implodere forse qualcuno lo capirà.
Un abbraccio.
Pier Luca Santoro

19/3/07 17:25  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia