venerdì, gennaio 12, 2007

Brand Shock 

Ci capita di guardarci o rivederci in fotografia e di non piacerci. Ci vediamo spesso invecchiati, grassi o magri, con meno capelli, con il sorriso spento o con le borse sotto gli occhi mentre gli amici ci vedono uguali a sempre, tutto questo succede perchè non siamo abituati ad osservarci.

Quando lo facciamo siamo noi i più spietati critici di noi stessi e se quest'attività di introspezione è corretta, allora cominciamo a prendere provvedimenti per cambiare, ma anche per mantenerci come eravamo nel nostro periodo migliore.

La nostra analisi quando è reale e profonda è la migliore possibile, perchè alle critiche esterne, spesso reagiamo, trovando alibi e scaricando le responsabilità su qualcun'altro.

C'è chi analizza la brand equity utilizzando formule matematiche o attraverso ricerche, che per quanto precise non provocheranno alcun cambiamento (davvero radicale).

Si comincia a cambiare solo quando le cose cominciano ad andare male oppure quando ci si guarda per la prima volta con gli occhi degli altri, allora si crea la consapevolezza che è l'ora di innovare e di migliorarsi.

Un amico, consulente di brand management, mi ha raccontato di avere invitato alcuni dirigenti di una società potenziale cliente nel proprio ufficio, per discutere di un incarico di consulenza.

Li ha fatti accomodare in una sala d'attesa esageratamente calda (era estate) e li ha fatti attendere per oltre 45 minuti; quando è entrato nella sala d'attesa non ha salutato nessuno e ha chiesto alla segretaria di fare accomodare i suoi ospiti nella sala riunioni che era stata prenotata per l'incontro. Ha iniziato a parlare in modo sgarbato e guardando molto spesso l'orologio per cinque minuti.

Il responsabile della comunicazione davvero spazientito ha invitato gli altri dirigenti ad interrompere la riunione perchè riteneva che il consulente non fosse adatto a loro. Solo in quel momento il mio amico ha cambiato tono e ha rivelato che la sua era una tecnica (molto in voga negli Stati Uniti) per dimostrare al management che quello che loro hanno dovuto subire è il comportamento che i loro clienti devono sopportare ogni giorno.

Ha ottenuto il lavoro.

L'immagine è stata reperita in rete.

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia