lunedì, maggio 26, 2008

Indietro sarai tu 


Non è istruttivo leggere dati ufficiali sullo stato dell'innovazione in Italia sul fronte del digitale, sono dati medi e poco utili a delineare la situazione nel nostro Paese.

Le varie ricerche, fotografano un Paese costantemente indietro su tutti i fronti, ma la realtà è ben diversa.

La cosa grave è che c'è una grande spaccatura tra aziende innovative e aziende in forte ritardo, ma anche nella distribuzione (in termini di diffusione) delle competenze digitali nelle aziende, nelle Università e nelle organizzazioni pubbliche.

E' questo terrificante disallineamento la cosa più problematica. E' difficile creare programmi di intervento generalizzati, perché tra gli studenti di uno stesso corso universitario, tra i dipendenti di un'azienda a tutti i livelli, le differenze sono abissali.

Progettare ad esempio programmi di formazione risulta molto complesso, i programmi risulteranno per qualcuno troppo avanzati e per altri invece non sufficientemente adeguati.

Continuare ad insistere su quanto siamo indietro, non rende giustizia a quelle persone che credono nella formazione permanente, che investono a loro spese, nell'acquisto di libri, frequentazione di seminari e che purtroppo si trovano ad operare in contesti che non li valorizzano.

Attenzione ai dati medi, non significano più nulla.

Credits per l'immagine.

2 Comments:

Blogger matteo said...

Ahimè, quanto mi trovi d'accordo...
ma non è forse questo il crudele destino di tutte le avanguardie che si rispettino?

26/5/08 16:12  
Blogger gianandrea said...

in questo paese la cultura di matrice ecclesiastica ha ucciso qualsiasi forma di darwinismo. con parole mie: non siamo abituati alla competizione.

26/5/08 16:28  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia