domenica, settembre 14, 2008

tabula rasa 


In un periodo di transizione in cui viviamo, vecchi concetti convivono con quelli nuovi, il risultato è la creazione di una grande confusione.

La comunicazione sui mezzi digitali richiede l'esplorazione di nuovi concetti e la comprensione delle implicazioni e degli impatti delle dinamiche di interazione in rete.

Sto lavorando sull'analisi di nuovi termini che andranno ad arricchire il mio vocabolario professionale. Per ora mi limiterò a citarne qualcuno.
  • findability
  • voluntary time
  • knowledge mining
  • resonance
  • interaction point
  • contribution
  • bridging/bonding
  • credible source
  • brand platform
  • brand impact
  • social media identity
E' un elenco non esaustivo ovviamente, sono tutti termini che non si trovano attualmente nei libri di marketing o di comunicazione attualmente in commercio e questo dimostra lo sfasamento esistente tra il mondo in rete e quello accademico-professionale.

Da una parte abbiamo una serie di persone che sperimentano giornalmente nuove dinamiche di interazione in rete e che hanno una conoscenza reale ed esperienziale di nuovi tool e strumenti di comunicazione e dall'altra una forte inadeguatezza di modelli teorici ed applicativi.

Occorre ridefinire il nostro lavoro di comunicatori a partire dai termini che utilizziamo.

Il lavoro che ci aspetta è titanico.

Credits per l'immagine

3 Comments:

Anonymous Daniele said...

Ma perché, dove possibile, non si utilizzano termini italiani? :)

16/9/08 13:08  
Blogger Maurizio Goetz said...

In generale condivido l'osservazione, ma la scelta in questo caso non è casuale, visto che i termini di marketing vecchi e nuovi vengono dagli Stati Uniti.
La mia proposta: prima comprendere i nuovi termini di cui si sta discutengo attualmente e poi trovare dei corrispettivi italiani - fair enough? ;)

16/9/08 13:15  
Anonymous Daniele said...

Fair enough :)

16/9/08 19:08  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia