domenica, ottobre 07, 2007

Questo non è marketing 


La persona depressa, ribatte ad una mia frase, in cui affermo che la reputazione è importante per chi usa il proprio blog come strumento relazionale e per comunicare i propri valori professionali, con ironia.

Ritenere che cercare di salvaguardare la propria reputazione professionale significhi necessariamente svendersi o fare marchette è frutto di quel retaggio culturale vecchio e superato che non ci permette di essere competitivi sui mercati internazionali.

Se le attività di pubbliche relazioni, marketing, pubblicità, promozione sono oggi così svilite la colpa è di chi le esercita senza averne la cultura e la competenza.

Per agitare un po' le acque, concludo con il dire che solo un imbecille può oggi equiparare la cultura di marketing con l'attività più antica del mondo.

Se qualche blogger svende il proprio blog per un tramezzino, questo è affar suo, il marketing è un'altra cosa.

La foto è di Tom Coates (via Gaspar Torriero, uno che la sa lunga sulla pubblicità)

3 Comments:

Blogger Pier Luca said...

Caro Maurizio,
Ciascuno si deprima a casa sua, gentilmente. Sulle criticità del marketing e della comunicazione d'impresa discutiamo da tempo così come da tempo personalmente ho chiarito la mia posizione al riguardo
[http://www.marketingblog.it/blogosfera-etica/marketing-blog/comunicazione-etica/marketting/ethical-blogger.htm]
C'è chi fa marketing e chi fa marchetting non avevamo bisogno di attacchi depressi per ricordarcelo nè amiamo conversare con coloro che non offrono diritto di replica e confronto nei loro spazi. Amen!
Un abbraccio.
Pier Luca Santoro

8/10/07 09:31  
Blogger [m]m said...

quoto.
anche se 'la persona depressa' è uno dei miei tumblr preferiti. ma chi è? ;-)

8/10/07 10:12  
Blogger Maurizio Goetz said...

non so chi sia, posso solo dire che non sono d'accordo con la sua affermazione.

8/10/07 10:16  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia