lunedì, luglio 09, 2007

500 dubbi 

Non mi sento così sicuro (come molti blogger) di esprimere un giudizio negativo sulla nuova 500, sullo spot che ha un forte sapore di deja vu e che anche a chi è piaciuto lascia qualche dubbio.

Navigando fra i blog, non si leggono grosse stroncature, ma si avverte una sensazione di disagio e tanti dubbi.

Le opinioni sono discordanti, come è normale, ma quello che si respira nell'aria è fondamentalmente una critica all'incapacità di interpretare i sentimenti delle persone più sensibili.

Dubbio è infatti la parola ricorrente. Dubbio nei confronti dell'opulenza del lancio, dubbio per una strategia di prodotto che nasce già vecchia, non tanto per la legittima ispirazione al passato, ma per lo scollamento con la realtà. Non si può certo accusare i critici di essere prevenuti.

Le agenzie di pubblicità non si dimostrano oggi innovative per il solo fatto di consigliare ai loro clienti di aprire un blog o di utilizzare Second Life o gli spot virali, ma soprattutto se hanno la capacità di tornare a comunicare davvero, lasciando da parte gli effetti speciali e se qualche volte mostrano il coraggio di dire di no pronunciandolo forte.

4 Comments:

Anonymous Luca Taddei said...

Ciao Maurizio, ho letto con interesse il tuo post e sono pienamente d'accordo con le tue considerazioni finali! Ho letto anche alcuni dei post che hai linkato ed è sicuramente da non sottovalutare lo scetticismo dei bloggers sulla FIAT 500 come prodotto e sulla campagna di comunicazione e marketing che l'accompagna!
Lo spot e l'utilizzo di episodi e personaggi della storia contemporanea del nostro Paese sembra aver suscitato in più persone un certo bisogno di "etica della comunicazione", così come altri sottolineano, in linea generale, lo scarso interesse per l'"aspetto ecologico" del prodotto! Prendiamo in considerazione questi elementi e riflettiamo!
Credo però che il punto di forza di questo prodotto FIAT sia essenzialmente e volutamente la "tradizione" e "l'italianità"! La domanda a questo punto è: ai consumatori interessano questi valori? Se la risposta è sì, la scelta della FIAT potrebbe essere vincente e anche gli effetti speciali saranno stati funzionali!

L.T.
www.ilcomunicatore.wordpress.com

11/7/07 00:02  
Blogger Maurizio Goetz said...

Luca, l'analisi è a caldo. E' ovvio che occorre poi valutare le vendite in Italia e all'estero. Queste discussioni a noi servono, per imparare qualcosa.

11/7/07 07:24  
Anonymous Luca Taddei said...

Perfettamente d'accordo!

L.T.
www.ilcomunicatore.wordpress.com

11/7/07 17:06  
Anonymous Anonimo said...

Secondo me, lo spot è osceno!!!
Veramente osceno, io penso che riportare la banca dell'agricoltura sia in uno spettatore 19-35 totalmente deleterio, magari lascia dubbiosi un secondo su una scena di un attentato...
La macchina è altro, libertà, donne, divertimento.
Non attentati, persone anziane, persone uccise...

Forse la Fiat 500 sarà cannibalizzata dalla moda di quelle vecchie, o questo spot creerà nel pubblico la moda per altri prodotti, ma non di certo per la 500... che alla fine sembra qualcosa da contemplare in silenzio, non da acquistare dopo tutto quello che si è visto.

E' un utilitaria e la possono comprare solo giovani, donne e vecchi...
Con questo spot potevano benissimo vendere i modellini della 500 con uscite quindicinali ad un target 40-65... niente di più.

E poi l'italianità... ma se è fatta in Polonia insieme alla Ka..

12/7/07 14:56  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia