martedì, dicembre 19, 2006

Un passo avanti 

La blogosfera soprattutto quella italiana è molto autoreferenziale, ama incontrarsi in luoghi non troppo aperti, apre quasi esclusivamente per cooptazione, non ama molto le new entries, se non quelle che accettano le regole del "sistema".

La blogosfera italiana, assomiglia così tanto al salotto buono della finanza italiana. Ne ha preso tutte le caratteristiche.

Riconoscerlo è il primo passo. Grazie Vittorio, grazie di cuore.

Aprire, aprire, aprire, sono felice che il sasso lanciato al BarCamp, sia stato raccolto.

Adesso se nascerà un nuovo progetto collaborativo tra blogger in cui le singole identità rimarranno dietro le quinte per privilegiare il progetto collaborativo, sarà divertente capire chi ne farà parte e chi ne resterà fuori.

Ne vedremo delle belle.

4 Comments:

Blogger mafe said...

Un progetto collaborativo tra blogger quali? Tutti? Chi vuole? Li scegli tu? I blogger di MSN? Quelli di Iobloggo? Quelli di Radio 105? Le ospiti di Grazia? Quelli del Sagittario? Quelli nati di giovedì?
Un progetto collaborativo per fare cosa? Per contare di più? E dove? E con chi? E perché?
Un progetto collaborativo lanciato come e dove? In università? Tra chi ti legge? Tra i tuoi clienti?

Su, su, è arrivato il momento di fare proposte concrete, che a piagnucolare sull'autorefenzialità sono stati capaci tanti in questi anni.

19/12/06 21:31  
Blogger Maurizio Goetz said...

No, non scelgo io, non sostituisco un'autoreferenzialità con un'altra. Arriverà naturalmente da una seconda generazione di blogger e qualcuno parteciperà e qualcun'altro no. Le proposte stanno arrivando, sono nell'aria.

19/12/06 21:38  
Anonymous Marco Cattaneo said...

ah ah ah... mi vien da sorridere considerando che, quando ne ho parlato io, sembrava la più grande castroneria del secolo ma ora che gli autoreferenti auto-riferiscono referenziandosi, é diventata la notizia del secolo e la più grande e sincera ammissione che la blogopalla abbia fatto. Grandioso.

19/12/06 22:47  
Blogger Maurizio Goetz said...

Marco, non so da dove sia iniziato, la mia domanda è come smettere? Come portare le energie della blogosfera al di fuori? Oramai il sasso è stato buttato nello stagno, vediamo quanto si propagano le onde.

19/12/06 22:52  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia