lunedì, aprile 28, 2008

Blogstar delusion 


Non la voglio prendere tanto alla lontana, citando diversi esempi tratti dall'esperienza di diffusione dei differenti media (radio, cinema, televisione, internet). All'inizio si esplora il mezzo, ma alla fine sono i contenuti che prevalgono.

Da tempo Gianluca non perde occasione per ribadire la sua opinione: i blogger contano meno di quanto si pensi, infatti, con ogni probabilità la blogosfera nel suo complesso tenderà a crescere, mentre l'influenza dei singoli blogger dipenderà dalla loro capacità di creare valore e non per il fatto che alcuni sono stati dei pionieri.

Non è un problema solo italiano, quello della sopravvalutazione dei blogger, anche Rohit Bhargava ne scrive:

... There is a growing phenomenon that I call the Blogstar Delusion. This is the too common situation where a semi-famous blogger assumes that everyone has heard of him or her because they have legions of followers at events like SXSW and online. This is not a criticism of any single person, just a note about a trend that I have seen with increasing frequency. Of course, meeting people who have an outsized view of themselves is not unique to bloggers. So what is causing this rise of blogstar delusions?

In part, it is the growing popularity of blogs ... but the real culprit is each one of us. Every time you treat a blogger that you admire like a rockstar, you are encouraging the rise of the blogstar delusion. As any parent will tell you, if you want to discourage a certain kind of behaviour, don't unintentionally reward it. So, to do my part - I am making a pledge to help reduce the number of blogstar delusions in the world by doing the following:

  1. Do not allow myself to suffer from blogstar delusions.
  2. Treat any blogger like a real person rather than a movie star.
  3. Interact with bloggers, regardless of Technorati rank, as peers.
  4. Avoid joining any group engaging in idolatry towards bloggers.

Any other pledges you would add to this list? Join me and help curb the spread of the blogstar delusion ... it is taking over the world of social media far too fast, and we all need to do our part to help fight it.

Internet non è un medium di massa come la televisione, nonostante ciò alcuni meccanismi di creazione delle celebrità vengono replicati anche in rete, ma dureranno fino a che altri blogger e la stampa lo permetteranno, amplificando le personalità ipertrofiche.

Nella seconda fase di sviluppo della blogosfera, verrà dato più spazio ai contenuti e alle relazioni autentiche.

Non c'è che attendere e contribuire, sgonfiando il fenomeno delle blogstar, che è a quanto pare, già in declino. (Per qualcuno non è mai esistito).

13 Comments:

Blogger Matteo Balocco said...

Non saprei. Io tendo sempre a considerare la blogstar in sè prima di tutto come un hub e non come veicolo di qualche particolare contenuto di qualità o autorevolezza.
La blogstar vale commercialmente in quanto hub. Ragioniamo quindi non tanto sulla qualità della blogstar quanto su quella dei suoi lettori.
;)

28/4/08 12:59  
Blogger Maurizio Goetz said...

mmm, è quale sarebbe il valore di una blogstar in qualità di hub? Un abilitatore di relazioni? Non mi convince molto.

28/4/08 13:04  
Blogger Matteo Balocco said...

Allora, massimizzando il discorso a mio parere puoi ragionare in almeno due direzioni. Attivatore di relazioni e attivatore di attenzione.
Entrambe le opzioni hanno valori intrinseci ovviamente.
Ripeto. Non mi concentrerei tanto sulla figura della blogstar quanto su quella di alcuni dei suoi contatti.
La blogstar difficilmente è il vero catalizzatore.

29/4/08 09:31  
Blogger Maurizio Goetz said...

Ok seguo il tuo discorso e possiamo suddividere i due elementi di analisi da te citati così, se ho capito bene, ciò che intendi:

1)il blogger come fonte di informazioni, opinioni, divulgatore di contenuti, idee ecc

2) il blogger come elemento catalizzatore di reti di relazioni, indipendentemente dai contenuti

Non trovi che nel tempo la blogstar perde terreno in entrambi gli ambiti? Se non produci contenuti interessanti e sei autoreferenziale perchè leggerti? Se sei un hub e mi interessano i tuoi contatti, non posso bypassarti e stabilire una relazione diretta con essi?

29/4/08 11:46  
Blogger Matteo Balocco said...

"Se sei un hub e mi interessano i tuoi contatti, non posso bypassarti e stabilire una relazione diretta con essi?"

In realtà è più o meno quello che intendo. Ma occhio, la figura della blogstar resta comunque centrale in quanto in funzione di essaessa si attiva l'identificazione del blogger da contattare.
Chiariamoci, a mio parere: A è la blogstar (100K di contatti), B è un'altra blogstar (50K di contatti). C invece ha un blog con 1K di contatti. Ma sia A che B leggono C. A e B saranno anche hub, ma il vero capitale lo detiene C.
Semplifico ovviamente...

29/4/08 15:39  
Anonymous markingegno said...

Anche io, come Matteo, non sarei cosi' ottimista sul fatto che le blogstar siano destinate a "scomparire".

Probabilmente cambieranno, nel senso che subentraranno nuovi attori, ad esempio le stesse star dei media mainstream.

Parallelamente, con l'aumentare della popolazione attiva nella blogosfera possiamo ipotizzare che certi comportamenti "da blogstar" vadano a scomparire.

Se lo spazio per contenuti e relazioni autentiche aumentera', probabilmente sara' per effetto di una crescita delle dimensioni della blogosfera, ma non e' detto, anzi lo ritengo improbabile, che tale sviluppo porti necessariamente con se' maggiore attenzione verso i contenuti o le relazioni.

Nella misura in cui sempre piu' gente si avvicinerà per moda e per seguire il guru di turno, piuttosto che per esprimere una esperienza personale.

29/4/08 16:31  
Blogger Gaspar said...

Molto interessante il decalogo di Rohit Bhargava, e non si può che essere d'accordo.

Ma d'altra parte tutti i blog che leggo sono le mie blogstar e godono della mia più riconoscente ammirazione :)

Posso allora dire "viva le star e abbasso lo star-system"?

29/4/08 21:25  
Blogger Maurizio Goetz said...

Interessante osservazione, Gaspar - ci possono essere star senza star system? si - e star system senza star? no - ma se non c'è star system a che servono le star?

29/4/08 22:42  
Blogger Matteo Balocco said...

Gaspar, a mio parere, tende a non dare importanza al fatto che la rete internet rappresenta sia un personal che un mass medium.
O meglio, per lui, giustamente, è principalmente un personal medium.

30/4/08 14:06  
Blogger Maurizio Goetz said...

E' esattamente questa la questione. La rete è al contempo un mediun personale, di nicchia e sociale. I conflitti o le opportunità a seconda di come si vogliono vedere le cose nascono proprio da diversi modi di interpretarla. E' evidente che ognuno scrive e porta avanti i propri pensieri nel modo che ritiene più opportuno, ma è altrettanto naturale che ne derivi un confronto dialettico. Personalmente ritengo la figura della blogstar dannosa ed inutile, esattamente nello stesso modo in cui altre persone ad esempio non aprrezzano l'attività che io svolgo in rete (marketing). Non c'è soluzione a questo, la dialettica ai tempi della Grecia antica era una virtù, oggi viene ridotta allo scontro. Dobbiamo recuperare la capacità dialettica che abbiamo perso.

30/4/08 17:34  
Anonymous Andrea said...

Come nella società così anche per il web esistono delle regole sociali (altrimenti perchè il nome di social network). La stessa social network analisys considra i rapporti tra cliche e i gruppi più estesi in generale. I leader possono esistere nella bloggopalla, ma sempre di più assomiglia al leader "terrestre" il quale deve ogni giorno ribadire la sua posizione. essere blog leader diventa sempre di più sul contenuto e sempre di più essere leader significa essere anche bridgeperson, ovvero colui che è in grado di ampliare la sfera conodcitiva di chi lo legge grazie ai suoi legami con altri blogger.

2/5/08 18:11  
Blogger Maurizio Goetz said...

Andrea, condivido in linea teorica quanto tu scrivi, ma mi chiedo se poi avviene in realtà. Serve davvero una blogstar per fungere da "ponte sociale"?

2/5/08 18:24  
Anonymous Andrea said...

La risposta è no a mio parere, non so cosa ne pensi ma di Star ne abbiamo già troppe in altri campi. e' proprio la presenza di Star che farebbe regredire il valore stesso del Web cosi detto 2.0.
Come tu affermi l'evoluzione sarà quella di non avere più status nel web ma solo contenuti e chi sa se il 3.0... grazie al web semantico non ci porti delle novità in questo senso.
Quello che dicevo io era solo in rapporto alla vita face-to-face, dove i rapporti vanno coltivati per mantenere degli status. Ma se lo status è il contenuto allora non serve a nulla la star da blog.

2/5/08 23:37  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia