mercoledì, dicembre 20, 2006

Me TooTube 


Sembra che non sia l'unico a pensare che il 2007 sarà caratterizzato da progetti editoriali me too.

Che cosa faranno le società editoriali italiane per soddisfare la "voglia di audiovisivi di rete"? Cercheranno di replicare modelli già noti o troveranno strade ancora non percorse?

Sul fronte editoriale sto lavorando su schemi di contenuti tematici e sull'integrazione cross mediale. In particolare mi sto occupando di modelli di advertising contestuale e non contestuale che necessitano di essere testati.

Anni fa mi sono imbattuto in una ricerca dell'Online Pubblisher Association, che ha indagava l'importanza del contesto nelle strategie di comunicazione, un concetto già noto. Ciò significa che accanto all'effetto della creatività, quello del placement e del messaggio, l'autorevolezza del medium può contribuire tramite l'effetto endorsement ad aumentare l'efficacia di una campagna di comunicazione pubblicitaria.

Pianificare una campagna ad esempio sul Wall Street Journal, sul Financial Times o sul Sole 24 Ore ha sicuramente un effetto sul brand che investe, legato all'autorevolezza di queste testate.

Qual'è il premium price, legato all'effetto endorsement?

Nonostante abbia cercato molto, non sono ancora riuscito a trovare una metodologia in grado di misurare l'effetto contesto.

Ad un livello intuitivo sono convinto che esista un effetto contesto anche per quanto concerne le affissioni. Chissà se qualche centro media si è già posto il problema e se ha già trovato qualche metrica che abbia senso.

Intanto segnalo un vecchio studio, ma sempre interessante dell'Online Publisher Association che risale a marzo 2006 sui comportamenti di fruizione degli audiovisivi di rete ed uno studio etnografico sull'analisi dei consumi dei media, chiedendomi perchè questo tipo di analisi scarseggiano in Italia?

Abbiamo un mondo da esplorare, abbiamo tanti talenti qui in Italia, mancano editori coraggiosi.

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia