lunedì, gennaio 02, 2006

Un 2006 di grandi cambiamenti per la comunicazione 

Il 2006 sarà un anno di grandi cambiamenti per il mondo della comunicazione. Queste sono le previsioni di Marketing Usabile.

  1. Assisteremo a nuove acquisizioni ed alleanze nel mondo di internet e dintorni ma sopratutto all'apparire di nuovi protagonisti
  2. Sentiremo molto parlare di Iptv a partire dal secondo trimestre dell'anno
  3. Gli investimenti in pubblicità on line si consolideranno, ma gli investitori saranno esigenti e non si accontenteranno del tipo di campagne che hanno sperimentato in passato
  4. La pubblicità sulla televisione digitale interattiva comincerà a prendere forma verso l'autunno del 2006 grazie alle diverse azioni dei principali broadcaster italiani che cominceranno a sortire i primi effetti in primavera (premi, promozioni ed iniziative speciali)
  5. Il 2006 sarà un anno importante per la raccolta pubblicitaria di Sky e comunque Sky sarà una grande protagonista per l'anno in corso.
  6. Aumenteranno gli investimenti (rispetto al 2005) in campagne di marketing "non convenzionale" anche nel nostro Paese
  7. Le agenzie di pubblicità sentitesi minacciate nei loro business model da nuovi soggetti, si organizzeranno attraverso le loro associazioni di categoria per promuovere diverse iniziative nel campo della tv digitale per mostrare agli investitori pubblicitari di "padroneggiare" il cambiamento nel panorama della comunicazione ma sentiranno la concorrenza da parte di nuovi soggetti.
  8. Assisteremo ad alcuni cambiamenti importanti nel panorama dei media cartacei
  9. La revisione della direttiva Tv Sans Frontière ridisegnerà il panorma dell'advertising televisivo e sarà il tema centrale alla prossima edizione del Miptv di Cannes
  10. Aumenteranno considerevolmente i contenuti prodotti dagli utenti tanto che qualche editore potrebbe cavalcare questa "tigre", ma una parte di progetti di nanopublishing non riuscirà a raggiungere una dimensione critica per poter svilupparsi.
  11. Se il 2005 è stato caratterizzato da Google, nel 2006 sentiremo molto parlare di Yahoo, mentre Microsoft sarà attaccata da più parti e tutto dipenderà da come saprà reagire
  12. Crescerà nel 2006 il numero di motori di ricerca specializzati nella catalogazione di podcast e video podcast e il numero di contenuti audio e video disponibili on demand
Forse non tutti questi trend si avvereranno, ma sicuramente il 2006 sarà un anno di profondi cambiamenti per il mondo della comunicazione.

2 Comments:

Blogger [mini]marketing said...

1)sono d'accordo su smottamenti e movimenti franosi in vista. meno sui nuovi protagonisti.
2)si, se sarà trovato un modo semplice senza fili di vederla sul televisore del salotto.
3)si, ma si devono trovare nuove strade rispetto al pixelaggio banneristico e i vari interstitials. quali? ah, saperlo.
4 & 5) aspetto di vederla sul satellite, per il momento non ho ancora trovato niente sul dtt che mi attiri veramente. sul satellite invece ci sono canali di nicchia che potrebbero essere sfruttati per lo scopo.
6) si, anche se qualcuno si accorgerà che tra il bloggare e il fare...
7) mi fido della tua competenza indiscussa :-)
8)si, ma non in positivo per loro, temo
9)non so
10)d'accordissimo!
11)yahoo? potrebbe essere, quantomeno perchè tra i big player è l'unico ad avere cash a sufficienza.
12) si, fino a che qualche pesce grosso non li mangerà

aggiungo la mia: i feed rss diverranno ubiqui e comincieranno a sottrarre progressivamente quota alla mail in tutte le sue declinazioni (newsletter, Dem, news, alert di notizie o di posti di lavoro, o di qualsiasi altra cosa, ecc. ecc.)

3/1/06 09:23  
Blogger Maurizio Goetz said...

ti ho risposto privatamente. Facciamo un gioco, archiviamo questo post e tiriamolo fuori a fine anno per vedere se e quanto mi sono sbagliato:)

Sulla tua previsione aggiuntiva sui feed sono d'accordo, ma non saprei poi come verificare e misurare.

3/1/06 09:47  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia