giovedì, gennaio 17, 2008

Tornate allo spot 


Ma cosa diavolo mi è venuto in mente di scrivere di superare la cultura dello spot.

Gianluca è sconcertato è scrive:

"Ora, io non so se questo è il futuro del marketing digitale interattivo, ma se lo è, devo trovarmi, e presto, un altro futuro. "

Nicola Mattina fa molta fatica, ma cerca di trattenersi.

Si tratta di una campagna di marketing virale organizzato per un'azienda di salumi dall'agenzia Pirella Lowe Fronzoni. (via Pubblicità Italia).

La creatività del sito è stata curata dagli art director Massimo Verrone e Silvia Messa sotto la direzione creativa di Francesco Bozza e Umberto Casagrande. La produzione del sito è stata curata da Koinema, le azioni di web marketing da Bit Bang. I filmati sono diretti da Maci per la casa di produzione The Family.


Guardando il blog, mi viene da rimpiangere le "fabbriche degli spot".

Vi prego, tornate al 30 secondi.

3 Comments:

Blogger marcomassarotto said...

Maurizio, non valva la pena che sprecassi il tuo tempo per recensirlo

17/1/08 23:42  
Blogger Maurizio Goetz said...

Marco, non faccio mai nulla tanto per fare, non mi piacciono le critiche distruttive se sono gratuite, ma questo post non l'ho scritto per me stesso, (io non faccio campagne), ma per rispetto. Ci sono tante persone e tu sei una di queste, che stanno facendo tanta fatica per portare avanti nuove logiche per una comunicazione digitale, che porti valore, ma che sia al contempo rispettosa dell'intelligenza degli altri. La mia paura è che qualcuno potrebbe prendere questo genere di progetti come lo standard e non sarebbe giusto.

18/1/08 07:21  
Blogger marcomassarotto said...

Sì, lo so hai ragione Maurizio. Lo dicevo perchè alla fine sono i lavori che fai (e i risultati) che parlano di te, nel bene e nel male, soprattutto sul web. Anche se è vero che è importante dare i segnali giusti.

18/1/08 08:45  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia