mercoledì, ottobre 19, 2005

Il DVR: le nuove prospettive di fruizione 

Uno studio congiunto di Douglas A. Ferguson del College of Charleston e di Elizabeth M. Perse dell’Università del Delaware ha analizzato negli Stati Uniti il comportamento di fruizione dei programmi televisivi da parte degli “early adopters” di tecnologie di DVR.

Come risulta dallo studio di Ferguson e Perse, il concetto di tempo reale assume con il DVR un nuovo valore. La maggior parte degli utenti del campione dello studio dei due ricercatori, ha espresso grande apprezzamento dalla possibilità che questa tecnologia offre agli spettatori di esercitare un controllo attivo sui programmi visti in televisione indipendentemente dalla loro messa in onda.

La funzione di time shifting è particolarmente utile perché consente di vedere un programma live con i vantaggi di uno registrato, potendolo interrompere, rivedere o evitare di vedere la pubblicità. Un’altra funzione ritenuta molto utile ed aggiuntiva rispetto al videoregistratore analogico è la funzione di guida ai programmi. Tivo e Replay Tv hanno due tipi di menu: 1) l’IPG (Interactive Program Guide) che è un indice di informazioni su programmi, organizzate in ordine alfabetico o per genere e per orario di trasmissione 2) l’EPG (Electronic Program Guide), che attraverso un interfaccia in”overlay” ne permette la consultazione durante la visione in diretta di un programma.

Ogni DVR è collegato ad un database centrale che consente l’aggiornamento regolare delle guide dei programmi. Entrambi i sistemi permettono di decidere: a) quali programmi registrare, b) per quanto tempo mantenere i contenuti registrati sull’hard disk, c) che tipo di qualità video si vuole avere per ogni programma, in quanto ciò ha un impatto diretto sulla diversa occupazione di memoria, d) le modalità di registrazione automatica di un programma ripetuto (serie tv), indipendentemente da un eventuale cambiamento della messa in onda. e) la gestione della cancellazione automatica dei contenuti registrati sull’hard disk, per cui se un programma ad esempio non viene visto entro due giorni dalla registrazione, esso viene cancellato automaticamente.

L’obiettivo che Ferguson e Perse si sono posti impostando la ricerca, è il tentativo di comprendere se le diverse funzioni del DVR sono in grado di modificare i comportamenti degli spettatori. In particolare lo studio ha posto ai membri del campione diverse domande per analizzare quanto e quali funzioni gli utenti di TIVO e ReplayTv utilizzino maggiormente, per verificare se il DVR costituisce un mero rimpiazzo del videoregistratore analogico o se vi sono cambiamenti di comportamento di fruizione dati dalle nuove funzionalità del device e per comprendere se il suo utilizzo può aumentare i benefici di una visione di un programma in diretta.

Il campione rappresentato per la maggioranza da utenti maschi, di livello di istruzione medio alta, ha evidenziato che gli utenti di DVR guardano in media più televisione rispetto agli adulti che non fanno uso di questa tecnologia.

Tra le funzioni maggiormente apprezzate in ordine decrescente vi sono: la possibilità di bypassare la pubblicità, quella di registrare i programmi quando non si è davanti allo schermo, la guida per sapere cosa registrare (anche quando si sta guardando un altro programma), la possibilità di registrare programmi live da vedere in differita e quella di utilizzare il tasto di avanzamento veloce per scorrere le parti di programma meno interessanti ed infine la funzione di autoapprendimento dell’EPG che in base alle preferenze di visione degli utenti, suggerisce i programmi che hanno maggiormente i requisiti per interessare gli spettatori.

Tra le funzioni meno utilizzate vi è la moviola, funzione già presente nei videoregistratori analogici.

Il DVR sembra quindi rimpiazzare il videoregistratore poiché viene utilizzato principalmente per registrare i programmi che non si riescono a vedere, ma è la facilità di registrazione a fare la differenza. Raramente i contenuti registrati vengono trasferiti su supporti permanenti e i programmi registrati vengono spesso cancellati per liberare lo spazio sull’hard disk.

Da un punto di vista dell’esperienza di visione, gli utenti di DVR si sentono più “in control”, fanno meno zapping e quindi ritengono di avere un’esperienza migliore e più piacevole di fruizione dei programmi televisivi. L’ausilio della guida intelligente viene ritenuto importante per l’esperienza di registrazione delle trasmissioni televisive, ma è la possibilità di interrompere la visione di un programma in diretta la funzione che viene percepita essere differenziale rispetto ad una visione tradizionale della tv.

2 Comments:

Anonymous [mini]marketing said...

molto interessante.
la tv del futuro sembra premiare i contenuti, piuttosto che il packaging. un po' come per le news con i feed rss...

20/10/05 09:00  
Blogger Maurizio Goetz said...

Le opportunità ma anche i rischi sono molto simili.

20/10/05 21:59  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home

# html> # # # # ... # # # ... # # # # # # Disclaimer: questo blog è ad alto tasso di innovazione, potrebbe destabilizzare la vostra azienda/agenzia